Professional

Birgit Engler: “Un lavoro da uomini? – Non credo.”

Birgit Engler è una consulente specializzata negli acquisti e nella gestione dei fornitori. Principal di Porsche Consulting con una laurea in business administration, lavora sempre a stretto contatto con il suo team e con i suoi clienti – che operano in un’ampia gamma di settore.

Lei è entrata in Porsche Consulting nel 2006 e oggi guida un team di consulenti. Come si è sviluppata la sua carriera?
Birgit Engler:
Dopo un training come impiegata amministrativa ho studiato international business administration. Anche allora l’esperienza pratica era molto importante per me – ecco perché ho fatto uno stage in Porsche Consulting e mi sono candidata all’assunzione come neolaureata. Dopo lo stage e il mio primo lavoro come addetta agli acquisti strategici nell’indotto automobilistico, nel 2006 sono tornata in Porsche Consulting come consulente. Oggi sono responsabile della divisione acquisti e supplier management.

Segue una particolare strategia di carriera?
Birgit Engler:
Perseguo obiettivi chiari di lungo termine e non mi lascio abbattere dagli ostacoli. Mi pongo standard elevati di qualità. Ci tengo a instaurare buoni rapporti di lavoro con i miei clienti e con i miei colleghi, perché i migliori risultati si raggiungono solo cooperando. E soprattutto, voglio sentirmi fiera del mio lavoro e farlo con convinzione.

Quali sono finora le persone e gli eventi che hanno influenzato maggiormente la sua carriera?
Birgit Engler:
I miei genitori hanno un’azienda, in cui ho lavorato anch’io quand’ero giovane. Quell’esperienza mi ha insegnato che devi impegnarti seriamente per avere indietro qualcosa. Nel mio primo lavoro ho trascorso alcuni mesi in Giappone, dove ho imparato moltissimo. Benché la cultura e la lingua mi creassero spesso delle difficoltà, avevo ottimi rapporti di lavoro con i colleghi giapponesi e c’era un clima di elevato rispetto e aiuto reciproco. L’attività che svolgo in Porsche Consulting mi ha permesso di crescere ulteriormente, specie nell’assunzione di responsabilità e nel coraggio di prendere decisioni, oltre che nei rapporti interpersonali.

Cosa offre in particolare il lavoro in Porsche Consulting?
Birgit Engler:
La cultura aziendale è qualcosa di speciale. L’atmosfera lavorativa è professionale, ma anche molto cordiale. Abbiamo un forte spirito di squadra, un alto livello di solidarietà e l’abitudine al feedback. Lavoriamo sodo, ma ci divertiamo anche molto. Si formano anche tante amicizie al di fuori del lavoro.

Lei lavora in un settore dominato dagli uomini. Qual è differenza da questo punto di vista?
Birgit Engler:
Per essere sincera, a volte me lo domando anch’io ma non vedo nessuna differenza. Le donne fanno questo lavoro bene quanto gli uomini. Potrebbero avere addirittura dei vantaggi perché hanno spesso maggiori capacità di comunicazione e di empatia. Le mie colleghe e io lavoriamo su tutti i progetti e abbiamo un grandissimo successo.

Cosa direbbe alle giovani donne che vogliono lavorare in consulenza?
Birgit Engler:
Vorrei vedere più donne in Porsche Consulting, e mi sento di raccomandarla assolutamente come scelta di carriera. Qui si possono influenzare tanti processi, e si possono conoscere persone interessanti. Bisogna essere aperti a nuove esperienze e avere una visione critica delle strutture in essere. E consiglierei loro di non cercare di diventare diverse da come sono ma di rimanere autentiche e nello stesso tempo affidabili.